accensione sigaro COME SI PREPARA IL SIGARO:

588821128_6dc8fda718_z (1) LA PIANTA DI TABACCO

Hand-rolled-cigars-by-Sosa-Family-Cigars LE BASI

CONSERVAZIONE DEI SIGARI

cuno GUIDE SPECIFICHE

31 Comments

  1. Alessio 28 luglio 2017 at 21:52 -  Rispondi

    Grazie ragazzi per i consigli!!!

  2. Alessio 24 luglio 2017 at 23:57 -  Rispondi

    Sono ancora un fumatore alle prime armi e non ho ancora provato una grande vastità di prodotti, ma vi posso dire che finora il sigaro caraibico che ho maggiormente apprezzato è stato il Bolivar Petit Coronas. Non mi hanno entusiasmato molto i Camacho e quindi sare propenso a tralasciare l’Honduras (oppure potrebbe essere spunto per voi per potermi consigliare qualcosa in modo tale da farmi cambiare idea). Su Nicaragua e Rep. Dominicana non posso esprimermi perché non ho ancora provato nulla di quei terroir. Grazie ancora e perdonate la scarsità di informazioni che ho potuto darvi.

    • cigarslover 28 luglio 2017 at 16:56 -  Rispondi

      Ciao Alessio, non tralasciare l’Honduras solo perchè hai trovato un prodotto non consono al tuo palato. Restando su sigari che sprigionino una fumata simile a quella di tuo gradimento, ti consigliamoì questi tre per proseguire:

      – Partagas Shorts
      – Ashton Virgin Sun Grown Robusto
      – Don Tomas Nicaragua Lindos

      Li trovi tutti recensiti qui: http://www.cigarslover.com/database/7074-2/

  3. Alessio 23 luglio 2017 at 21:14 -  Rispondi

    Ciao ragazzi. Ho un amico che a breve si recherà in Germania e volevo cogliere l’occasione per farmi portare qualche sigaro che si può trovare in terra tedesca, ma non in Italia. Avreste qualche sigaro in particolare da consigliarmi? Sapreste inoltre indicarmi una tabaccheria ben fornita in quel di Monaco di Baviera? In attesa dei vostri preziosi consigli, vi ringrazio per l’attenzione

    • cigarslover 24 luglio 2017 at 20:14 -  Rispondi

      Ciao Alessio, ci sono davvero molti prodotti che non sono importati nel nostro paese. Per poterti dare qualche consiglio però, avremmo bisogno di sapere qualcosa in più sui tuoi gusti e territori produttivi preferiti 🙂

  4. Francesco 27 maggio 2017 at 23:23 -  Rispondi

    Salve, ho da poco acquistato un humidor adorini. Il Treviso deluxe. Ho notato che l umidità oscilla verso il 78%/80 %. Credo che non sia molto salutare per i sigari. Come farla abbassare un po ed arrivare a 75? Un saluto a tutti. Bellissimo il sito.

  5. Marello 25 maggio 2017 at 19:32 -  Rispondi

    ciao! una domanda da neofita, spesso i sigari vengono venduti avvolti in un sacchettino di plastica.. tipo i davidoff e quasi tutti gli extracubani che ho comprato.. secondo voi in umidor li devo mettere con il sacchettino o senza?

    • cigarslover 27 maggio 2017 at 18:50 -  Rispondi

      Non c’è una regola precisa in quanto non è sbagliato nè lasciarli nè toglierli dal cellophane. Personalmente ti consiglio di lasciarli nel cellophane, che è una sorta di protezione aggiuntiva (sia per ridurre gli sbalzi di umidità, sia per mantenerla) 😉

      • Marello 27 maggio 2017 at 19:38 -  Rispondi

        ok grazie mille!! 😉

  6. Ivan F. 12 maggio 2017 at 09:49 -  Rispondi

    Buongiorno mi sono appena iscritto al blog e lo trovo fantastico,ho gia visto molti dei tuoi video su youtube e li ho seguiti molto volentieri,mi sono avvicinato da poco al mondo del fumo lento e mi appassiona veramente tanto,ho comprato da poco un humidor adorini di piccole dimensioni cioè per 70 corona circa..per una settimana il tasso di umidità era rimasto costante al 68% ma dopo averlo aperto stanotte è andato al 74% e stamani era ancora fermo li cosa posso fare per abbassarlo?ah per ora uso i polimeri!!grazie per tutto

    • cigarslover 12 maggio 2017 at 23:48 -  Rispondi

      Ciao Ivan, ti consiglio di passare ai beads, che eseguono un vero e proprio controllo di umidità, assorbendola quanto è eccessiva o rilasciandone quando è troppo contenuta 🙂

      Dai un’occhiata qui: http://www.cigarslover.com/beads/

  7. Paolo 25 aprile 2017 at 19:52 -  Rispondi

    Buongiorno, sono un appassionato autodidatta con ancora molto da imparare … Vorrei approfondire e chiedo se ad oggi ci sono ancora corsi catadores in Lombardia, Bergamo o limitrofi (Milano, Brescia). Grazie

  8. Sandro 1 febbraio 2017 at 00:04 -  Rispondi

    Salve. Premetto di essere un neofita nel mondo del sigaro, dove sto muovendo o primi passi. Ho acquistato un humidor (26x22x10cm), l’ho trattato come raccomandato (bagnato con acqua distillata ed ho lasciato all’interno un contenitore con l’acqua per due gg), ho inserito una boveda da 60gr 69% ed i cristalli assorbenti compresi con l’umido. Dopo alcuni giorni con difficoltà l’umidità ha raggiunto il 69/70%. Ho messo dentro i miei sigari, solo 4 Montecristo nr. 5 e l’umidità è scesa al 60% e da tre giorni non si sposta più su. Utilizzo due igrometri, uno analogico che ho tarato, ed uno digitale. In cosa sbaglio? Grazie

    • cigarslover 1 febbraio 2017 at 10:14 -  Rispondi

      Ciao Sandro, se usi le boveda, per gli humidor in legno devi inserirne almeno 2 buste. Oltre a questo, è sempre bene non impiegare diversi tipi di umidificazione nello stesso humidor.

      Considera i beads, durano a vita e si acquistano una sola volta 😉

      • Sandro 1 febbraio 2017 at 16:09 -  Rispondi

        Grazie…..proverò come mi hai suggerito

  9. Lorenzo 13 novembre 2016 at 16:49 -  Rispondi

    Salve avrei una domanda per quanto riguarda la conservazione in particolare riguardo alla temperatura, quanto può scendere senza causare danni ai sigari cioè il limite minimo quale sarebbe?
    Vi ringrazio e rinnovo i miei complimenti per questo sito che è diventato una vera e propria Bibbia!

    Lorenzo

    • cigarslover 15 novembre 2016 at 16:43 -  Rispondi

      Ciao Lorenzo, la temperatura va a braccetto con l’umidità, quindi per far si che una temperatura particolarmente alta o bassa non danneggi i sigari, li si deve conservare ad un tasso di umidità corretto per la situazione.

      Il consiglio è quello di non scendere troppo. Diciamo che come limite minimo potresti tenere i 10-12° e contestualmente portare l’umidità attorno al 75%.

      • Lorenzo 15 novembre 2016 at 19:26 -  Rispondi

        Ottimo ti ringrazio per la risposta sto facendo tutto correttamente allora!

  10. Carmine 27 ottobre 2016 at 22:41 -  Rispondi

    Salve ho iniziato da poco ma ho bruciato le tappe forse ho sbagliato ma ora mi piacciono i sigari di grande fumata ma ho capito che non sono pronto e dopo aver fumato un robusto tipo Montecristo master o un petit Edmondo ho un po’ di capogiri e’ normale? Grazie mille

    • cigarslover 28 ottobre 2016 at 09:16 -  Rispondi

      Ciao Carmine, quando si è alle prime armi può capitare. Non essendo abituato alla nicotina, una fumata a stomaco vuoto o un sigaro troppo forte, possono causare questo effetto momentaneo ai neofumatori. Ti consiglio di accendere un sigaro a stomaco pieno per i primi tempi 😉

  11. Gabriel 9 maggio 2016 at 14:23 -  Rispondi

    Salve,
    è da un po’ che oramai Vi seguo e non posso che affermare, che avete realizzato davvero un ottimo lavoro, e col passare del tempo, le migliorie che apportate al sito, sono davvero magistrali, sfiorare quasi la completezza! Avete il mio pieno sostegno! Dei veri stacanovisti! Dunque Vi scrivo poiché , da qualche tempo, (premettendo che l’umidità del mio humidor non scendeva nè saliva oltre il 70%, con beads al 65% annessi e temperatura non oltre i 18 gradi) i miei sigari hanno cominciato ad avere il piede , “affetto” da un po` di muffa..
    mi chiedevo intanto, per quale ragione i beads, non riportino l’umidità al 65 , e soprattutto per quale oscura ragione si sia presentata della muffa.. Grazie per l’attenzione e, continuate così!

    • cigarslover 10 maggio 2016 at 00:11 -  Rispondi

      Ciao Gabriel, molto strano. Hai verificato che il tuo igrometro non presenti problemi e sia tarato correttamente? Il 70% è un tasso sicuro per la conservazione dei sigari (a 18°). Quindi sicuramente quella che vedi è una microfermentazione del sigaro e non muffa. Non ci sono quindi problemi sotto questo aspetto.

      Ti consiglio di verificare la taratura dell’igrometro. se vuoi inviarci una foro dei sigari come ulteriore verifica, puoi mandarla qui: info@cigarslover.com

  12. alessandro 28 gennaio 2016 at 11:18 -  Rispondi

    Salve a tutti,mi sono avvicinato da poco a questo mondo e gia posso dire che mi sembra fantastico…

    • cigarslover 28 gennaio 2016 at 15:19 -  Rispondi

      Ciao Alessandro, c’è moltissimo da scoprire, la passione ti prenderà sempre di più! 🙂

  13. Salvatore Cutrone 5 gennaio 2016 at 22:27 -  Rispondi

    Salve, oggi ho acquistato il mio primo sigaro, premetto che non ho mai fumato sigari né sigarette, ho preso un Montecristo linea open junior pagato 6,30 (comprato in Germania) la mia prima domanda è, una volta entrato nella saletta dove si trovano tutti i sigari, posso sceglierlo io personalmente il sigaro oppure (com’è successo) è la commessa a dovermelo prendere e addirittura sostituire (non chiedetemi il perché) non potendone testare l’aroma, né il grado di morbidezza ecc…? e seconda domanda, una volta arrivato a casa, dopo averlo tagliato e acceso, perché dopo tre quarti di sigaro, è diventato di un amarognolo infumabile? grazie in anticipo Ciao!

    • cigarslover 11 gennaio 2016 at 10:41 -  Rispondi

      tutto dipende dalla tabaccheria. Alcuni permettono ai clienti di scegliere il sigaro, altri invece no.

      L’amarognolo è dovuto probabilmente ad una fumata troppo veloce 🙂

  14. Gianluca 31 dicembre 2015 at 14:57 -  Rispondi

    Ciao! Finora ho sempre utilizzato un humidor molto piccolo. E man mano che i sigari finivano mi rifornivo. Ora che iniziano ad essere tanti quelli da conservare (circa 30) ho comprato un nuovo humidor, molto più adeguato. Come devo fare per poterlo utilizzare la prima volta? Quale procedimento devo seguire? Grazie mille!!!

    • cigarslover 4 gennaio 2016 at 19:01 -  Rispondi

      Ciao Gianluca, puoi inserire il sistema di umidificazione (ti consigliamo i beads) e portare a regime l’humidor. Quando il tasso è tra il 65% e il 70% puoi inserire i sigari 🙂

      Essendo un humidor di piccole dimensioni, non serve altro per avviarlo.

  15. Roberto 15 settembre 2015 at 14:57 -  Rispondi

    Vorrei sapere dove posso acquistare sigari non cubani a Roma. Grazie 1000.

    • Roberto C. 17 settembre 2015 at 16:37 -  Rispondi

      Tanti sono i tabaccai ben forniti a Roma, tra questi ricordiamo Fincato e Sansone.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Polls

Cosa preferisci abbinare al sigaro?

Risultati

Loading ... Loading ...

Iscriviti alla Newsletter

a402471faa
/wp-admin/options-general.php?page=emc2-popup-disclaimer/emc2pdc-admin.php
b047934777
7135
10
Entra
Esci
http://google.it
1

CigarsLover è un sito che tratta argomenti che riguardano il mondo del fumo lento e tutto ciò che ci gira attorno. Questo sito non vuole indurre al fumo, e si ricorda che il fumo nuoce gravemente alla salute. I contenuti sono per maggiorenni.

Questo sito utilizza i cookie tecnici per avere la migliore esperienza di navigazione. Cliccando su “entra”, dai il consenso all’uso dei cookie. Leggi l’informativa

Entra Esci