AF AF_banner AB alec & bradley gatekeeper davidoff viking
Search
Paese
Bahamas
Brasile
Costa Rica
Cuba
Filippine
Honduras
Indonesia
Isole Canarie
Italia
Messico
Nicaragua
Panama
Peru
Republica Dominicana
U.S.A.
Formato
Churchill
Corona Gorda
Double Corona
Gordo
Gran Corona
Lancero/Panetela
Lonsdale
Perfecto
Petit Corona/Corona
Petit Robusto
Piramide/Torpedo
Robusto
Salomone/Diadema
Shorts
Toro
Troncoconico
Prezzo
Sotto 6
6-10
10-15
15-20
20-30
Oltre 30
Forza
Leggera
Medio-leggera
Media
Medio-forte
Forte
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Affumicato
Cacao
Cremoso
Cuoio
Dolce
Frutta secca con guscio
Legno
Spezie
Terra
Tostato
Vegetale
Search
Tipo distillato
Armagnac
Cognac
Rum
Whisky
Paese
Antigua
Barbados
Canada
Cuba
England
Francia
India
Irlanda
Italia
Giamaica
Giappone
Martinica
Olanda
Scozia
Taiwan
Trinidad e Tobago
Stati Uniti
Svezia
Galles
Guadalupa
Panama
Repubblica Dominicana
ABV
38.0-39.9%
40.0-43.0%
43.1-46.0%
46.1-50.0%
50.1-55.0%
over 55.0%
OB o IB
OB
IB
Prezzo
Sotto 50
50-100
100-250
250-500
over 500
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Cereale
Dolce
Floreale
Fruttato
Legno
Marino
Miele
Sherried
Speziato
Torbato
Vinoso

Toscano “Mascagni”

Toscano “Mascagni”

Toscano “Mascagni” 800 450 Luca Cominelli

Da qualche anno a questa parte il gruppo Manifatture Sigaro Toscano ha puntato molto della propria strategia di marketing sul continuo rinvigorimento delle linee di sigari offerti agli amanti degli “stortignaccoli”.

toscano mascagni copy

Una di queste è la famiglia dei “Toscano d’autore”, costituita dal capostipite Garibaldi, seguito dal Toscano Soldati e, da ultimo, il Modigliani e il Mascagni.

Questo toscano è dedicato al grande musicista livornese Pietro Mascagni, nato e vissuto fra i secoli 800 e 900.

Il Toscano Mascagni, prodotto a detta di MST in “edizione limitata”, è presentato nella classica scatola di cartone da cinque sigari confezionati singolarmente, al costo complessivo di otto euro. La fascetta è piuttosto ricercata: fondo beige, con tricolore laterale e la scritta “Mascagni” a mo’ di firma su un pentagramma stilizzato.

In ordine alla provenienze dei tabacchi di fascia e ripieno, le fonti ufficiali si limitano a indicare “kentucky” (NdA: come se oggigiorno il fumatore si accontentasse di una informazione così ovvia!). Il tabacco utilizzato per la fascia è coltivato in Toscana, mentre il ripieno è Kentucky campano. La lavorazione, andando invece per esclusione, è da ritenersi meccanizzata, poiché ogni Toscano fatto a mano presenta tale dicitura sulla confezione di vendita (stringa che al Mascagni risulta mancante).

Alla vista il sigaro si presenta avvolto in una luminosa fascia marrone chiaro, dai riflessi dorati, con evidenti venature. Nel complesso la costruzione è discreta, atteso che il prodotto è un machine-made e che a volte ci si può imbattere anche in fasce esteticamente non all’altezza e un po’ nerborute.

toscano mascagni_2 copy

Note di fumata.

Toscano Mascagni: al naso il Mascagni si presenta con il solito biglietto da visita del tabacco Kentucky: legno, cuoio e terra sono i lievi effluvi che solleticano il naso del fruitore.

L’ingresso è sapido e acidulo, con una lieve nota piccante che, tuttavia, svanisce nel corso di poche boccate. Gli aromi percepiti si ripartiscono, quasi equamente, fra spezie (più marcate), legno e frutta secca, mentre la forza è medio-leggera (2/5).

La parte centrale evolve rispetto al sapore generale percepito, poiché lo “stortignaccolo” sembra “auto equilibrarsi” fra sapido e dolce, ripagando il fruitore con aromi di cacao, cuoio e spiccate note di legno. La forza, al contrario, rimane contenuta. In chiusura di fumata, però, incrementa lievemente (3/5), lasciando presagire il decadimento della paletta aromatica verso il classico amarognolo non caro a noi fumatori. Tuttavia gli aromi di legno e cuoio restano invariati rispetto alla parte centrale della fumata, non senza l’arricchimento, sul finire, di decisi echi di caffè arabica.

La cenere, di colore grigio scuro, appare particolarmente friabile e tende a sfaldarsi anche durante le boccate.

toscano mascagni_3 copy

Fumato “alla maremmana”, questo nuovo Toscano risulta essere equilibrato, dalla complessità aromatica e dall’evoluzione media, per un prodotto che si può classificare dalle qualità comuni. La persistenza, con questa modalità di fumata, è media.

Fumato ammezzato, invece, il Mascagni si rivela perfetto compagno di un buon caffè o di una passeggiata pomeridiana. Per la sua paletta aromatica non molto marcata e la forza media, si sconsiglia di sceglierlo quale “ammezzato” del dopo pasto poiché  potrebbe risultare, soprattutto per i fumatori di Toscano più avvezzi alla tipicità del prodotto, piuttosto etereo e inconsistente.

In definitiva: promosso, ma con il minimo sindacale. Da una edizione dichiarata “limitata” è lecito attendersi qualcosa in più.

Valutazione: C

Davidoff la bucanera  AF
Our website uses cookies, mainly from 3rd party services. Define your Privacy Preferences and/or agree to our use of cookies.
Cookie Info