AF AF_banner AB alec & bradley gatekeeper davidoff viking
Search
Paese
Bahamas
Brasile
Costa Rica
Cuba
Filippine
Honduras
Indonesia
Isole Canarie
Italia
Messico
Nicaragua
Panama
Peru
Republica Dominicana
U.S.A.
Formato
Churchill
Corona Gorda
Double Corona
Gordo
Gran Corona
Lancero/Panetela
Lonsdale
Perfecto
Petit Corona/Corona
Petit Robusto
Piramide/Torpedo
Robusto
Salomone/Diadema
Shorts
Toro
Troncoconico
Prezzo
Sotto 6
6-10
10-15
15-20
20-30
Oltre 30
Forza
Leggera
Medio-leggera
Media
Medio-forte
Forte
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Affumicato
Cacao
Cremoso
Cuoio
Dolce
Frutta secca con guscio
Legno
Spezie
Terra
Tostato
Vegetale
Search
Tipo distillato
Armagnac
Cognac
Rum
Whisky
Paese
Antigua
Barbados
Canada
Cuba
England
Francia
India
Irlanda
Italia
Giamaica
Giappone
Martinica
Olanda
Scozia
Taiwan
Trinidad e Tobago
Stati Uniti
Svezia
Galles
Guadalupa
Panama
Repubblica Dominicana
ABV
38.0-39.9%
40.0-43.0%
43.1-46.0%
46.1-50.0%
50.1-55.0%
over 55.0%
OB o IB
OB
IB
Prezzo
Sotto 50
50-100
100-250
250-500
over 500
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Cereale
Dolce
Floreale
Fruttato
Legno
Marino
Miele
Sherried
Speziato
Torbato
Vinoso

Toscano Garibaldi

Toscano Garibaldi

Toscano Garibaldi 800 450 Giuseppe Mitolo

Il Toscano Garibaldi è lungo 155 mm ed è fatto a macchina. La foglia di fascia è tabacco Kentucky italiano, mentre per il ripieno è utilizzato Kentucky campano e tabacco importato.

E’ stato il primo prodotto scelto dal Gruppo Toscano per rappresentare l’italico sigaro attraverso i suoi fumatori più illustri. Per descrivere il prodotto occorre necessariamente andare indietro nel tempo,  raccontare qualche cenno storico può essere utile.

toscano-garibaldi

La paternità del “Garibaldi” è ufficialmente attribuita allo scrittore (e fumatore) Mario Soldati il quale, dopo aver riscontrato che i sigari provenienti da Cava de’ Tirreni presentavano delle fasce più chiare e un gusto più dolce, suggerì alle Manifatture Toscano di codificare queste peculiarità in un sigaro che avesse una propria storia e personalità. Nacque così nel 1982 lo “stortignaccolo” dedicato all’”Eroe dei due Mondi” che, si racconta, amasse fumare il sigaro ammezzato per non rinunciare al suo fedele compagno di vita. Anche per tale motivo, due anni più tardi, vide gli albori il “Garibaldi Ammezzato”, che mantenne fino al 2006 la caratteristica di avere una lunghezza superiore, rispetto a un normale ammezzato, di circa un centimetro.

Il Garibaldi è l’unico sigaro bitroncoconico della gamma Toscano a essere venduto in confezione da cinque pezzi senza cellophane e senza fascetta.

Alla vista la fascia è di un tenue marrone chiaro, dai riflessi gialli con diverse marezzature e al tatto (ma non solo a quello) si manifestano vistose venature e segni della lavorazione a macchina. Di certo non siamo in presenza di un sigaro che si lascia apprezzare per la ricercatezza della sua foglia di fascia.

toscano garibaldi

Note di fumata.

Toscano Garibaldi: al naso la prima nota che emerge nitida è quella del cartone che, giocoforza il condizionamento, pone parecchio in ombra i sentori di legno e di cuoio comunque presenti. Di contro, nel tiraggio a freddo, il sigaro regala leggeri echi di legno, cuoio e spezie.

L’ingresso di fumata è imperniato su un sapore dolce con delle punte acidule che scompariranno nel corso di fumata e che lasceranno il manufatto consumarsi sempre secondo un’impronta dolce. Gli aromi percepiti sono giocati su un registro di noce (presente) e legno (più lieve). La forza è leggera, contenuta su registri molto tenui (1/5).

La fruizione del tratto centrale si rivela più interessante dell’ingresso: sul solito range di forza (1/5), è possibile distinguere note speziate di cannella (presente), di legno e di noce (lieve).

Il finale, accanto alle gentili note aromatiche di legno e noce, regala anche qualche eco di cacao (lieve), per poi evolvere, in chiusura, ad aromi di spezie di intensità media. Solo in quest’ultima fase di fumata la forza del sigaro incrementa lievemente, senza mai risultare comunque scialba o decontestualizzata dall’impianto gustativo generale.

E’ un sigaro che non evolve particolarmente, né risulta incisivo per la sua finezza aromatica, ma che si lascia apprezzare per la sua soavità e leggerezza, caratteristiche a tratti lontane dall’imprinting “toscano”.

Il Garibaldi, anche ammezzato, può rivelarsi un ottimo compagno di una frugale fumata, magari dopo il caffè mattutino. Sconsigliato invece, sia ammezzato che “alla maremmana”, come sigaro del dopo pasto

Valutazione: B

Davidoff la bucanera  AF
Our website uses cookies, mainly from 3rd party services. Define your Privacy Preferences and/or agree to our use of cookies.
Cookie Info