Search
Paese
Cuba
Costa Rica
Republica Dominicana
Honduras
Nicaragua
U.S.A.
Italia
Messico
Panama
Brasile
Peru
Bahamas
Filippine
Indonesia
Formato
Churchill
Double Corona
Corona Gorda
Gordo
Gran Corona
Lancero/Panetela
Lonsdale
Perfecto
Petit Corona/Corona
Petit Robusto
Piramide/Torpedo
Robusto
Salomone/Diadema
Shorts
Toro
Troncoconico
Prezzo
Sotto 6
6-10
10-15
15-20
20-30
Oltre 30
Forza
Leggera
Medio-leggera
Media
Medio-forte
Forte
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Affumicato
Cacao
Cremoso
Cuoio
Dolce
Frutta secca con guscio
Legno
Spezie
Terra
Tostato
Vegetale
Search
Tipo distillato
Whisky
Cognac
Rum
Armagnac
Paese
Scozia
Stati Uniti
Taiwan
Irlanda
Francia
Italia
Giappone
India
Giamaica
Antigua
Canada
Martinica
Cuba
Barbados
Olanda
Trinidad e Tobago
ABV
38.0-39.9%
40.0-43.0%
43.1-46.0%
46.1-50.0%
50.1-55.0%
over 55.0%
OB o IB
OB
IB
Prezzo
Sotto 50
50-100
100-250
250-500
over 500
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Cereale
Dolce
Floreale
Fruttato
Legno
Marino
Miele
Sherried
Speziato
Torbato
Vinoso

Daiquiri – Abbinamento

Daiquiri – Abbinamento

Daiquiri – Abbinamento 785 346 Luca Cominelli

Il Daiquiri è un drink che discende dalla famiglia dei Punch e dei Canchancharas, tutti accomunati dagli stessi ingredienti base: rum, zucchero e agrumi.

Daiquiri

La ricetta è semplice e per la preparazione in casa, basta uno shaker e un misurino:

  • 4,5 cl di rum bianco
  • 2,5 cl succo di lime
  • 1,5 cl di sciroppo di zucchero
  • ghiaccio.

Versare tutti gli ingredienti nello shaker. Shakerare, filtrare e versare in una coppa ghiacciata. Decorare con una rondella di lime

La nascita di questo cocktail cubano è legata a più storie, ma la più accreditata sembrerebbe assegnare la sua paternità a due ingegneri americani che lavoravano a Cuba: Jennings S. Cox e Giacomo Pagliuchi.

Si racconta che in un giorno imprecisato del 1898, i due ingegneri, dopo essersi incontrati in occasione della riattivazione di un’importante miniera di ferro, vollero ritagliarsi un momento per bere qualcosa. Fu allora che Pagliuchi propose a Cox di preparare un drink, ma gli unici ingredienti disponibili erano rum, lime, zucchero e ghiaccio. Con questi ingredienti Cox decise di preparare quello che fino ad allora lui aveva chiamato “Rum sour”. Pagliuchi ne apprezzò molto il gusto e la freschezza ma non il nome, tanto da proporne uno nuovo ovvero “Daiquiri”, come l’omonima spiaggia di un antico villaggio esistente nelle vicinanze di Santiago de Cuba.

Negli anni successivi il drink ebbe un enorme successo, cosicchè anche l’ammiraglio Johnson lo adottò come drink ufficiale della marina militare americana, tanto da applicare una targa all’ingresso del Lodge a Washington per ricordare i due ingegneri.

La popolarità del Daiquiri fu anche accresciuta da Ernest Hemingway, estimatore del drink a tal punto da berne svariati litri al giorno. E’ difatti ascrivibile allo scrittore statunitense la celebre frase “Mi Mojito alla Bodeguita, mi Daiquiri alla Floridita”. Al Floridita lavorava il barman Costante, grande amico dello scrittore, che contribuì molto all’evoluzione del Daiquiri.

La versione del Daiquiri che divenne più famosa grazie ad Hemingway e ad altre celebrità americane, fu quella con l’aggiunta del liquore maraschino, meglio nota anche come “Papa Doble”.

Col passare degli anni svariate furono le modifiche apportate alla ricetta originale e di conseguenza molteplici erano le ricette in circolazione. Oggi, tuttavia, quella ufficiale è riportata sulla lista IBA (International Bartenders Association), che ritorna alle origini, prevedendo rum, succo di lime, zucchero, ghiaccio.

Per l’abbinamento cocktail-sigaro il Daiquiri è molto indicato per più fattori: la sua freschezza raffredda il palato riscaldato dal fumo del sigaro; l’acidità, aumentando la salivazione, permette ai ricettori della lingua di essere pronti per il “puff” successivo; lo zucchero, oltre a bilanciare il drink, equilibra anche l’amarezza e/o l’astringenza proprie dalla fumata.

Articolo tratto da CigarsLover Magazine. Autore Nicola Ruggiero.

SIGARI IN ABBINAMENTO

Veniamo ora all’abbinamento e ai sigari che più si prestano per essere goduti assieme a questo drink. Viste le sue caratteristiche, il Daiquiri si presta ad essere abbinato a svariati sigari e risulta un facile accostamento, che difficilmente risulterà errato.

Abbiamo però selezionato i sigari che più ci hanno dato soddisfazione con questo drink.

Montecristo No.5: abbinamento da aperitivo. La fumata terrosa e speziata ben si abbina con il Daiquiri, dando luogo ad un connubio decisamente facile da apprezzare. Il drink pulisce il palato ad ogni sorso, rendendo la paletta aromatica di questo piccolo Montecristo ancora più godibile. (Per la recensione completa del Montecristo No.5 clicca qui!)

Montecristo No.5

Arturo Fuente Opus X Perfecxion No.4: il Daiquiri rinfresca la fumata incredibilmente speziata, riuscendo a creare un bilanciamento notevole dovuto alle note zuccherine e acide che si contrappongono alle note piccanti del sigaro. (Per la recensione completa dell’Arturo Fuente Opus X Perfecxion No.4 clicca qui!)

Arturo-Fuente-Opus-X-Perfecxion-No.4

Our website uses cookies, mainly from 3rd party services. Define your Privacy Preferences and/or agree to our use of cookies.
Cookie Info