AF AF_banner AB alec & bradley gatekeeper davidoff viking
Search
Paese
Bahamas
Brasile
Costa Rica
Cuba
Filippine
Honduras
Indonesia
Isole Canarie
Italia
Messico
Nicaragua
Panama
Peru
Republica Dominicana
U.S.A.
Formato
Churchill
Corona Gorda
Double Corona
Gordo
Gran Corona
Lancero/Panetela
Lonsdale
Perfecto
Petit Corona/Corona
Petit Robusto
Piramide/Torpedo
Robusto
Salomone/Diadema
Shorts
Toro
Troncoconico
Prezzo
Sotto 6
6-10
10-15
15-20
20-30
Oltre 30
Forza
Leggera
Medio-leggera
Media
Medio-forte
Forte
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Affumicato
Cacao
Cremoso
Cuoio
Dolce
Frutta secca con guscio
Legno
Spezie
Terra
Tostato
Vegetale
Search
Tipo distillato
Armagnac
Cognac
Rum
Whisky
Paese
Antigua
Barbados
Canada
Cuba
England
Francia
India
Irlanda
Italia
Giamaica
Giappone
Martinica
Olanda
Scozia
Taiwan
Trinidad e Tobago
Stati Uniti
Svezia
Galles
Guadalupa
Panama
Repubblica Dominicana
ABV
38.0-39.9%
40.0-43.0%
43.1-46.0%
46.1-50.0%
50.1-55.0%
over 55.0%
OB o IB
OB
IB
Prezzo
Sotto 50
50-100
100-250
250-500
over 500
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Cereale
Dolce
Floreale
Fruttato
Legno
Marino
Miele
Sherried
Speziato
Torbato
Vinoso

Togliere o lasciare la cenere in fumata?

Togliere o lasciare la cenere in fumata?

Togliere o lasciare la cenere in fumata? 750 500 Luca Cominelli

Togliere la cenere: il grande errore?

L’interesse per tenere o rimuovere la cenere durante la degustazione di sigari è tecnicamente discutibile. Quando un sigaro mediocre viene fumato, l’aficionado non avrà nulla da scegliere riguardo cosa fare con la cenere: questa cadrà da sola dopo pochi centimetri. Dinnanzi ad un buon sigaro invece, inteso come realizzato con materie prime e lavorazioni di qualità, la cenere resterà ben salda e allora il fumatore dovrà scegliere se lasciarla “crescere” oppure rimuoverla. Alcuni aficionado sono soliti cimentarsi nel gareggiare per dare luogo alla cenere più lunga, altri invece, la tolgono in modo metodico dopo appena un centimetro.

cenere sigaro

Alcuni sostengono che la cenere isoli il braciere, mantenendolo quindi ad una temperatura più alta, dando luogo ad una sorta di protezione attorno ad esso. Altri invece affermano che non avere la cenere, e quindi una “barriera”, aumenti l’apporto di ossigeno al braciere, dando luogo a una miglior qualità di combustione. Entrambi questi effetti sono positivi e risulta quindi difficile misurare la loro influenza relativa.

Un aspetto importante è che la cenere può rilasciare lentamente aromi Mantenere la cenere sul sigaro agisce come una sorta di catalizzatore, aumentando la diffusione aromatica.

In modo pratico, quando un sigaro è ben realizzato la combustione è raramente un problema. A livello emozionale, una lunga cenere contribuisce alla bellezza di una degustazione. E’ un qualcosa di godibile e di effetto, ma resta pur sempre una aspetto percepito in modo soggettivo. Oggettivamente invece, controllando la cenere e prendendosene cura, fa si che inconsciamente l’aficionado rallenti la degustazione; questo aspetto è sempre positivo! Riducendo la velocità della fumata, si incrementa la qualità degli aromi sprigionati, e l’aficionado respira più lentamente, rilassandosi. Questo è ciò che definisco una degustazione consapevole.

Ricordiamoci inoltre che, leggenda vuole, quando la cenere cade sul pavimento, è sempre di buon auspicio!

Articolo tratto da CigarsLover Magazine, scritto da Didier Houvenaghel.

Davidoff la bucanera  AF
Our website uses cookies, mainly from 3rd party services. Define your Privacy Preferences and/or agree to our use of cookies.
Cookie Info