Villiger AF AF_banner AB alec & bradley gatekeeper davidoff viking
Search
Paese
Bahamas
Brasile
Costa Rica
Cuba
Filippine
Honduras
Indonesia
Isole Canarie
Italia
Messico
Nicaragua
Panama
Peru
Republica Dominicana
U.S.A.
Formato
Churchill
Corona Gorda
Double Corona
Gordo
Gran Corona
Lancero/Panetela
Lonsdale
Perfecto
Petit Corona/Corona
Petit Robusto
Piramide/Torpedo
Robusto
Salomone/Diadema
Shorts
Toro
Troncoconico
Prezzo
Sotto 6
6-10
10-15
15-20
20-30
Oltre 30
Forza
Leggera
Medio-leggera
Media
Medio-forte
Forte
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Affumicato
Cacao
Cremoso
Cuoio
Dolce
Frutta secca con guscio
Legno
Spezie
Terra
Tostato
Vegetale
Search
Tipo distillato
Armagnac
Cognac
Rum
Whisky
Paese
Antigua
Barbados
Canada
Cuba
England
Francia
India
Irlanda
Italia
Giamaica
Giappone
Martinica
Olanda
Scozia
Taiwan
Trinidad e Tobago
Stati Uniti
Svezia
Galles
Guadalupa
Panama
Repubblica Dominicana
ABV
38.0-39.9%
40.0-43.0%
43.1-46.0%
46.1-50.0%
50.1-55.0%
over 55.0%
OB o IB
OB
IB
Prezzo
Sotto 50
50-100
100-250
250-500
over 500
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Cereale
Dolce
Floreale
Fruttato
Legno
Marino
Miele
Sherried
Speziato
Torbato
Vinoso

Josè L. Piedra Conserva

Josè L. Piedra Conserva

Josè L. Piedra Conserva 800 450 Giuseppe Mitolo

Fra le sette referenze del brand Josè L. Piedra (clicca qui per una breve storia del marchio e dei tabacchi utilizzati) troviamo un modulo interessante per le sue misure e la sua “unicità”: il Conserva. La vitola de galera di questo sigaro è il conserva JLP (44 x 140mm) e differisce di pochissimo dal conserva di Punch (145mm x 43), il Royal Coronation.

JOSÈ L. PIEDRA CONSERVA

Alla vista, la fascia del Conserva è ben lontana dai canoni della maggior parte dei sigari che si trovano in commercio: tonalità claro, priva di ogni lucentezza, dai riflessi gialli, macchiata, rugosa al tatto e con venature piuttosto pronunciate. Anche la manifattura generale lascia molto a desiderare, con una chiusura della testa grossolana e, quel che desta maggiori preoccupazioni pre-fumata, con dei vuoti di riempimento piuttosto evidenti.

JOSÈ L. PIEDRA CONSERVA

Josè L. Piedra Conserva: al naso, i profumi che appena solleticano il naso sono quelli della noce, del legno e della terra.

L’inizio è giocato su un delicato equilibrio fra sapido, acido e amaro, dove il primo prevarica sugli altri due. Gli aromi percepibili sono pochi in numero: caffè, note balsamiche e nocciola, rispettivamente dal più al meno intenso. La forza è leggera (1/5).

JOSÈ L. PIEDRA CONSERVA

Con l’incedere della fruizione i sapori restano inalterati, così come la predominanza del caffè. A mutare sono gli aromi: accanto al caffè fanno capolino miele, cuoio e terra, tutti in misura lievemente percepibile. La forza subisce un minimo incremento, divenendo medio-leggera (2/5).

Complessivamente nel Conserva  equilibrio e intensità aromatica sono buoni. Sotto la media, invece, persistenza, evoluzione e complessità. E’ un manufatto apprezzabile nella sua semplice rusticità.

Un buon prodotto consigliato per un dopo pasto, se si ricerca un sigaro dal costo contenuto, appagante e senza troppe pretese.

Valutazione in centesimi: 83

Davidoff Villiger Foundation la bucanera  AF Pachuche Pachuche cigars
Our website uses cookies, mainly from 3rd party services. Define your Privacy Preferences and/or agree to our use of cookies.
Cookie Info