AF AF_banner AB alec & bradley gatekeeper davidoff viking
Search
Paese
Bahamas
Brasile
Costa Rica
Cuba
Filippine
Honduras
Indonesia
Isole Canarie
Italia
Messico
Nicaragua
Panama
Peru
Republica Dominicana
U.S.A.
Formato
Churchill
Corona Gorda
Double Corona
Gordo
Gran Corona
Lancero/Panetela
Lonsdale
Perfecto
Petit Corona/Corona
Petit Robusto
Piramide/Torpedo
Robusto
Salomone/Diadema
Shorts
Toro
Troncoconico
Prezzo
Sotto 6
6-10
10-15
15-20
20-30
Oltre 30
Forza
Leggera
Medio-leggera
Media
Medio-forte
Forte
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Affumicato
Cacao
Cremoso
Cuoio
Dolce
Frutta secca con guscio
Legno
Spezie
Terra
Tostato
Vegetale
Search
Tipo distillato
Armagnac
Cognac
Rum
Whisky
Paese
Antigua
Barbados
Canada
Cuba
England
Francia
India
Irlanda
Italia
Giamaica
Giappone
Martinica
Olanda
Scozia
Taiwan
Trinidad e Tobago
Stati Uniti
Svezia
Galles
Guadalupa
Panama
Repubblica Dominicana
ABV
38.0-39.9%
40.0-43.0%
43.1-46.0%
46.1-50.0%
50.1-55.0%
over 55.0%
OB o IB
OB
IB
Prezzo
Sotto 50
50-100
100-250
250-500
over 500
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Cereale
Dolce
Floreale
Fruttato
Legno
Marino
Miele
Sherried
Speziato
Torbato
Vinoso

GURKHA Private Select Churchill

GURKHA Private Select Churchill

GURKHA Private Select Churchill 750 396 Giuseppe Mitolo

Il Gurkha Private Select Churchill (52 x 184mm) è da considerare, nonostante il nome, un double robusto (International Shape), poiché il suo cepo di 52 sfora il limite massimo di 49/64 di pollice previsti per il churchill.

GURKHA Private Select Churchill_6 copy GURKHA Private Select Churchill_4 copy

Poche sono le informazioni sul blend di questo sigaro che sembrerebbe composto da:

  • Wrapper: Maduro Broadleaf  (N.D.);
  • Binder: Nicaragua;
  • Filler: Nicaragua.

Manifattura nicaraguense.

La particolarità di questo prodotto risiede nel trattamento di alcune foglie con una particolare, quanto segreta, infusione in ron Abuelo 7 años (provenienza: Panama), ragione per la quale, lo staff di Cigarslover è propenso per ritenerlo un prodotto aromatizzato.

Di sicuro effetto il packaging: ciascun sigaro è contenuto all’interno di un tubo di vetro, sigillato con una vistosa colata di ceralacca rossa.

GURKHA Private Select Churchill_5 copy

Aperto l’involucro, il colore della foglia di fascia è spiccatamente oscuro, con poco spazio a riflessi di altre cromie. Alla vista e al tatto, la capa appare liscia, con poche e leggere venature. La costruzione, tuttavia, appare non all’altezza del blasone, poiché su più esemplari abbiamo riscontrato evidenti vuoti di riempimento.

GURKHA Private Select Churchill_3 copy

Note di fumata.

GURKHA Private Select Churchill: al naso il carattere e l’impronta del ron risulta molto spiccato, in quanto apporta al manufatto ricche e decise note di cacao, frutta matura e miele, trittico tipico della maggior parte dei distillati a base di canna da zucchero.

Una volta acceso, il sapore del sigaro è molto dolce, quasi artefatto, con una leggera punta sapida che si innesta nel corso dell’incedere del primo tercio. Aromaticamente il sigaro ha poco da raccontare al fumatore: carruba e caffè (lievi), miele e minerale (presenti). La forza sviluppata è sul livello minimo del nostro rating (1/5).

GURKHA Private Select Churchill_2 copy

La combustione è stabile, anche se presenta il classico difetto della cenere “a cono”, sinonimo del fatto che le foglie esterne brucino più velocemente del ripieno.

I sapori del secondo tercio sono identici al tratto che lo precede e anche l’evoluzione non presenta grandi novità: sempre presente il miele, la carruba (che aumenta di intensità), la gomma naturale (lieve) e comincia ad apparire una nota metallica, che dopo diversi puff, sbilancia l’impianto aromatico. La forza incrementa verso il medio-leggero (2/5).

Vorremmo potervi raccontare di più, ma la degustazione del  sigaro finisce qui.

GURKHA Private Select Churchill copy

Complessità, evoluzione ed equilibrio sono sotto la sufficienza, mentre l’intensità aromatica è apprezzabile. Tuttavia gli aromi percepiti, sono direttamente riconducibili al ron (o meglio, all’affinamento in legno del prodotto), poiché l’intensità degli stessi appartiene ad un registro diverso rispetto a quella a cui si è abituati in fumata. Dopo diversi minuti di fruizione, in un sigaro così lungo, con aromi così artefatti e una evoluzione assente, la fumata diviene monotona e stanca il fumatore. In più, l’incrementare della nota metallica dalla metà del sigaro in poi, ci ha posto nella condizione di abbandonare il prodotto anzitempo.

Valutazione in centesimi: 77

Davidoff la bucanera  AF
Our website uses cookies, mainly from 3rd party services. Define your Privacy Preferences and/or agree to our use of cookies.
Cookie Info