Search
Generic filters
Paese
Cuba
Costa Rica
Republica Dominicana
Honduras
Nicaragua
U.S.A.
Italia
Messico
Panama
Brasile
Peru
Bahamas
Filippine
Indonesia
Formato
Churchill
Double Corona
Corona Gorda
Gordo
Gran Corona
Lancero/Panetela
Lonsdale
Perfecto
Petit Corona/Corona
Petit Robusto
Piramide/Torpedo
Robusto
Salomone/Diadema
Shorts
Toro
Troncoconico
Prezzo
Sotto 6
6-10
10-15
15-20
20-30
Oltre 30
Forza
Leggera
Medio-leggera
Media
Medio-forte
Forte
Profilo aromatico
Dolce
Cremoso
Spezie
Terra
Frutta secca con guscio
Cacao
Legno
Vegetale
Cuoio
Tostato
Affumicato
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Search
Generic filters
Tipo distillato
Whisky
Cognac
Rum
Armagnac
Paese
Scozia
Stati Uniti
Taiwan
Irlanda
Francia
Italia
Giappone
India
Giamaica
Antigua
Canada
Martinica
Cuba
Barbados
Olanda
Trinidad e Tobago
ABV
38.0-39.9%
40.0-43.0%
43.1-46.0%
46.1-50.0%
50.1-55.0%
over 55.0%
OB o IB
OB
IB
Prezzo
Sotto $ 50
$ 50 - 100
$ 100 - 250
$ 250 - 500
Sopra $ 500
Profilo aromatico
Dolce
Torbato
Sherried
Cereale
Legno
Marino
Miele
Floreale
Fruttato
Speziato
Vinoso
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80

Il ghiaccio nei drinks

Il ghiaccio nei drinks

Il ghiaccio nei drinks 800 522 Nicola Ruggiero

Il ghiaccio è l’ingrediente più importante nella preparazione di un buon drink, non solo perché raffredda, ma perché aiuta a mantenere le proporzioni tra gli ingredienti, diluendo, unendo e abbassando il tenore alcolico.

Sul mercato si possono trovare molteplici tipologie di ghiaccio a cui si può attingere, con forma, dimensione e qualità diverse.

Perchè il ghiaccio raffredda? Il calore tende a spostarsi da zone a temperatura maggiore verso zone a temperatura minore. Pensiamo ad un recipiente con pareti isolanti, ovvero che non scambiano calore con l’esterno, contenente un liquido e del ghiaccio. In questo caso si verificherà uno spostamento del calore dal liquido (avente temperatura maggiore), al ghiaccio. Avremo quindi una reazione di raffreddamento del liquido e riscaldamento del ghiaccio fino ad ottenere un nuovo equilibrio termico.

spirits

A fronte di ciò, non esiste un raffreddamento senza diluizione. Per questo motivo è bene utilizzare molto ghiaccio per la creazione di un buon drink. Ecco che entra in gioco la tipologia di ghiaccio da impiegare, che varia in base a cosa vogliamo raffreddare. Un cocktail necessita di una tipologia di ghiaccio diversa rispetto ad un drink servito in piccola dose, come un whisky. Questo perché se nono è possibile immergerlo completamente nel drink, è preferibile utilizzare un ghiaccio che presenti una dimensione maggiore, in modo da avere una superficie minore a contatto con il liquido. Questo fa si che il ghiaccio si scaldi più lentamente e quindi si sciolga in un tempo più lungo, diluendo meno il nostro drink.

Un esempio è la il metodo giapponese di lavorazione del ghiaccio, che consiste nel ricavare da grossi blocchi di ghiaccio la classica le forme iceball, icecube e chunk (pezzi di ghiaccio irregolari) la cui superficie di contatto con il liquido è minore.