AF AF_banner AB alec & bradley gatekeeper davidoff viking
Search
Paese
Bahamas
Brasile
Costa Rica
Cuba
Filippine
Honduras
Indonesia
Isole Canarie
Italia
Messico
Nicaragua
Panama
Peru
Republica Dominicana
U.S.A.
Formato
Churchill
Corona Gorda
Double Corona
Gordo
Gran Corona
Lancero/Panetela
Lonsdale
Perfecto
Petit Corona/Corona
Petit Robusto
Piramide/Torpedo
Robusto
Salomone/Diadema
Shorts
Toro
Troncoconico
Prezzo
Sotto 6
6-10
10-15
15-20
20-30
Oltre 30
Forza
Leggera
Medio-leggera
Media
Medio-forte
Forte
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Affumicato
Cacao
Cremoso
Cuoio
Dolce
Frutta secca con guscio
Legno
Spezie
Terra
Tostato
Vegetale
Search
Tipo distillato
Armagnac
Cognac
Rum
Whisky
Paese
Antigua
Barbados
Canada
Cuba
England
Francia
India
Irlanda
Italia
Giamaica
Giappone
Martinica
Olanda
Scozia
Taiwan
Trinidad e Tobago
Stati Uniti
Svezia
Galles
Guadalupa
Panama
Repubblica Dominicana
ABV
38.0-39.9%
40.0-43.0%
43.1-46.0%
46.1-50.0%
50.1-55.0%
over 55.0%
OB o IB
OB
IB
Prezzo
Sotto 50
50-100
100-250
250-500
over 500
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Cereale
Dolce
Floreale
Fruttato
Legno
Marino
Miele
Sherried
Speziato
Torbato
Vinoso

False leggende sui sigari

Una volta sentii parlare un master torcedor cubano, che stava sfatando alcune leggende legate al mondo dei sigari. Con un grande sorriso sulla bocca disse: “indipendentemente da come si presenta il sigaro, dal colore della capa e dalle dimensioni, se facessi un piccolo sigaro solo con foglie di ligero, stenderei qualsiasi fumatore“.

schermata20130329alle00

Molto spesso leggo e sento dire delle cose che riguardano i sigari che non hanno fondamento. Vi sono molte dicerie che, sfortunatamente, vengono dette come consigli a coloro che si avvicinano al mondo dei sigari. Il problema è che spesso queste dicerie portano alla scelta di sigari che non rispecchiano la fumata che si vorrebbe avere. Va da sè che questo possa portare ad un’insoddisfazione di chi fuma un sigaro per la prima volta, o peggio ancora, possa scoraggiare un neofumatore dall’apprezzare il piacere che una fumata di sigaro è in grado di generare.

Vediamo le più diffuse.

PIU’ GRANDE E’ IL SIGARO, MAGGIORE E’ LA FORZA CHE SPRIGIONA
Questa è una delle dicerie più comuni. Non è assolutamente fondata. La forza del sigaro infatti è data dalla tipologie delle foglie che vengono impiegate durante la sua costruzione (in particolar modo dalle foglie di Ligero: vedi ANATOMIA SIGARO).

Oltre a non essere vera, questa affermazione, è solitamente opposta alla verità. Sigari di notevoli dimensioni, come i Doble Coronas, non hanno un impianto aromatico sorretto da una forza troppo marcata, per lo meno non nella prima metà. Questo perchè sigari che presentano un durata prolungata, se iniziassero con una forza intensa, genererebbero una fumata che braserebbe letteralmente il palato del fumatore! Più la lunghezza del sigaro è maggiore, e più ci si dovrebbe aspettare un’evoluzione negli aromi, ma non una forza sopra la media.

Molte spesso vengono consigliati ai neofumatori formati come petit robusto, petit edmundo..sigari tozzi e corti. Solitamente questi sigari presentano una fortaleza accentuata. Proprio perchè queste versioni più piccole di sigari con formati maggiori, sono state pensate per offrire una fumata veloce ma appagante, con una forza che sorregge a pieno l’impianto aromatico del sigaro.

PIU’ IL SIGARO E’ SCURO, MAGGIORE E’ L’INTENSITA’ DELLA SUA FORZA
Spesso si associa il colore della capa alla forza del sigaro. Non vi è alcuna correlazione tra il colore della capa e la forza del sigaro. Come detto precedentemente, la forza dipende dalla tipologie di foglie impiegate nella liga. Quindi 2 sigari dello stesso tipo (ad esemprio 2 Montecristo No.2), non avranno una forza diversa dettata dal colore della capa.

Alcuni si staranno chiedendo: ma allora l’utilizzo di capas maduro nelle Edizioni Limitate? E nella linea Maduro 5 di Cohiba? Queste capas non apportano nulla? La risposta è: questa capas danno un valore aggiunto a livello di sapori, di aromi sviluppati in fumata. Non incrementano però la forza del sigaro.

SIGARI DI DIMENSIONI NOTEVOLI POSSONO ESSERE SPENTI E RIACCESI
Il sigaro non nasce per essere spento e riacceso. Vi sono molti formati in commercio, e questi formati mettono il fumatore in condizione di poter scegliere le dimensioni del sigaro in base al tempo che ha a disposizione per la fumata.

Durante la fumata, a causa della combustione delle foglie di tabacco, si creano delle particelle o,che dir si voglia, dei prodotti derivanti dalla combustione. Queste particelle, nel momento in cui si spegne il sigaro, quando questo si raffredda, si depositano sulle foglie di tabacco interne al sigaro (proprio perchè durante la fumata il fuma scorre per tutto il sigaro prima di giungere alla nostra bocca). Al momento della riaccensione, queste particelle renderanno gli aromi sviluppati dal sigaro poco piacevoli e tannici. Questo processo avviene in circa 30 minuti, dopo i quali è sconsigliata la riaccensione del sigaro.

Davidoff la bucanera  AF
Our website uses cookies, mainly from 3rd party services. Define your Privacy Preferences and/or agree to our use of cookies.
Cookie Info