AF AF_banner AB alec & bradley gatekeeper davidoff viking
Search
Paese
Bahamas
Brasile
Costa Rica
Cuba
Filippine
Honduras
Indonesia
Isole Canarie
Italia
Messico
Nicaragua
Panama
Peru
Republica Dominicana
U.S.A.
Formato
Churchill
Corona Gorda
Double Corona
Gordo
Gran Corona
Lancero/Panetela
Lonsdale
Perfecto
Petit Corona/Corona
Petit Robusto
Piramide/Torpedo
Robusto
Salomone/Diadema
Shorts
Toro
Troncoconico
Prezzo
Sotto 6
6-10
10-15
15-20
20-30
Oltre 30
Forza
Leggera
Medio-leggera
Media
Medio-forte
Forte
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Affumicato
Cacao
Cremoso
Cuoio
Dolce
Frutta secca con guscio
Legno
Spezie
Terra
Tostato
Vegetale
Search
Tipo distillato
Armagnac
Cognac
Rum
Whisky
Paese
Antigua
Barbados
Canada
Cuba
England
Francia
India
Irlanda
Italia
Giamaica
Giappone
Martinica
Olanda
Scozia
Taiwan
Trinidad e Tobago
Stati Uniti
Svezia
Galles
Guadalupa
Panama
Repubblica Dominicana
ABV
38.0-39.9%
40.0-43.0%
43.1-46.0%
46.1-50.0%
50.1-55.0%
over 55.0%
OB o IB
OB
IB
Prezzo
Sotto 50
50-100
100-250
250-500
over 500
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Cereale
Dolce
Floreale
Fruttato
Legno
Marino
Miele
Sherried
Speziato
Torbato
Vinoso

MUWAT – Kentucky Fire Cured Flying Pig

MUWAT – Kentucky Fire Cured Flying Pig

MUWAT – Kentucky Fire Cured Flying Pig 800 450 Giuseppe Mitolo

Prodotta dalla manifattura Drew Estate, la linea MUWAT – Kentucky Fire Cured è caratterizzata dall’utilizzo di una foglia di Kentucky americano curata al fuoco. Tuttavia la receta ufficiale resta avvolta da un alone di mistero.

MUWAT–Kentucky-Fire-Cured-Flying-Pig-5

Il Flying pig, oltre ad essere il nome dell’esemplare testato, è divenuto una sorta di nomignolo (traduzione letterale “maiale volante”) per definire i moduli doble figurado di lunghezza ridotta e larghezza particolarmente pronunciata: questo prodotto infatti presenta un cepo di 60 e una lunghezza di 105mm.

MUWAT–Kentucky-Fire-Cured-Flying-Pig-4

Alla vista il Flying Pig è avvolto da due fasce: quella che lo ricopre per la parte più consistente è opaca, colorado dai riflessi gialli, mentre quella che avvolge la testa del sigaro è della tonalità maduro. Al tatto la foglia esterna risulta leggermente rugosa con venature leggere. La costruzione è ottima, con la chiusura “pig tail” (nomen omen!) e un riempimento omogeneo e molto generoso.

MUWAT–Kentucky-Fire-Cured-Flying-Pig-3

MUWAT – Kentucky Fire Cured Flying Pig: il naso viene da subito colpito da profumi che ricordano i whisky torbati, con decisi caratteri di gomma naturale e legno, e una meno marcata nota di terra umida.

Una volta acceso, il sigaro parte lentamente, per poi risultare particolarmente sapidito, con una nota acida che non sbilancia. Gli aromi sembrano richiamare il carattere deciso della linea: gomma naturale, legno e minerale sono di buona intensità, mentre meno marcati sono le sfumature di cuoio e terra. La forza è media (3/5).

MUWAT–Kentucky-Fire-Cured-Flying-Pig-2

Una minima evoluzione si percepisce verso la metà del manufatto, allorquando l’acidità diviene più consistente, seppur sempre sottotono rispetto alla sapidità. Quasi nulla, invece, è l’evoluzione aromatica, per lo più giocata su un incremento delle note di cuoio e terra del primo tercio, e dalla comparsa di pepe. La forza, invece, aumenta verso il medio – forte (4/5).

Dal formato non ci si attendeva una grande evoluzione, eppure una fumata monotona era davvero una ipotesi non contemplata. Restano su alti livelli l’intensità aromatica, l’equilibrio e la persistenza (se l’intenzione era ottenere un sigaro “muscoloso”, l’obiettivo può dirsi raggiunto).

In definitiva, della linea Kentucky Fire Cured ci sentiamo di consigliare altri formati.

Valutazione in centesimi: 86

MUWAT–Kentucky-Fire-Cured-Flying-Pig

Davidoff la bucanera  AF
Our website uses cookies, mainly from 3rd party services. Define your Privacy Preferences and/or agree to our use of cookies.
Cookie Info