Villiger AF AF_banner AB alec & bradley gatekeeper davidoff viking
Search
Paese
Bahamas
Brasile
Costa Rica
Cuba
Filippine
Honduras
Indonesia
Isole Canarie
Italia
Messico
Nicaragua
Panama
Peru
Republica Dominicana
U.S.A.
Formato
Churchill
Corona Gorda
Double Corona
Gordo
Gran Corona
Lancero/Panetela
Lonsdale
Perfecto
Petit Corona/Corona
Petit Robusto
Piramide/Torpedo
Robusto
Salomone/Diadema
Shorts
Toro
Troncoconico
Prezzo
Sotto 6
6-10
10-15
15-20
20-30
Oltre 30
Forza
Leggera
Medio-leggera
Media
Medio-forte
Forte
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Affumicato
Cacao
Cremoso
Cuoio
Dolce
Frutta secca con guscio
Legno
Spezie
Terra
Tostato
Vegetale
Search
Tipo distillato
Armagnac
Cognac
Rum
Whisky
Paese
Antigua
Barbados
Canada
Cuba
England
Francia
India
Irlanda
Italia
Giamaica
Giappone
Martinica
Olanda
Scozia
Taiwan
Trinidad e Tobago
Stati Uniti
Svezia
Galles
Guadalupa
Panama
Repubblica Dominicana
ABV
38.0-39.9%
40.0-43.0%
43.1-46.0%
46.1-50.0%
50.1-55.0%
over 55.0%
OB o IB
OB
IB
Prezzo
Sotto 50
50-100
100-250
250-500
over 500
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Cereale
Dolce
Floreale
Fruttato
Legno
Marino
Miele
Sherried
Speziato
Torbato
Vinoso

Hoyo de Monterrey Hoyo du Maire

Hoyo de Monterrey Hoyo du Maire

Hoyo de Monterrey Hoyo du Maire 800 450 Luca Cominelli

Questi sigari provengono da una petacas da 5 pezzi. L’anno di produzione è il 2002.

Hoyo du marie

Una volta aperta la petacas, i sigari mostrano le anille impiegate dal brand Hoto de Monterrey una decina di anni fa.
Le capas di questi sigari hanno un bella tonalità maduro.

Al tatto si presentano tutti ben riempiti, senza mancamenti o difetti.

hoyo de monterrey hoyo du marie

Note di fumata.

Hoyo de Monterrey Hoyo du Marie: a crudo note di legno stagionato. Il tiraggio è serrato. L’apertura è dolce e fresca: note floreali. Seppur il tiraggio non sia ottimale, e quindi anche il fumo che giunge in bocca è in piccole quantità, gli aromi sono ben percepibili: il primo tercio sviluppa lievi spezie, note legnose e vaniglia. La forza è leggera (2/5). A circa un centimetro dall’accensione, il tiraggio migliora considerevolmente, e così anche il fumo sprigionato. Il secondo tercio vira su aromi di terra. La forza cresce, portandosi su un regime medio (3/5). La fumata si maniene molto dolce. Il terzo tercio ripropone le note di legno, ma le spezie (pepe bianco) si fanno più intense, pur non essendo divenendo particolarmente marcate. La forza si mantiene su canoni medi. Proseguendo in quest’ultimo tercio, gli aromi divengono tannici quasi subito, e segnano la fine della fumata.
Mi aspettavo di più da questo Hoyo, soprattutto per il periodo di affinamento al quale è stato sottoposto. Considerando la lunghezza della fumata, i sentori tannici che si sono sviluppano prematuramente nell’ultimo tercio pesano non poco sulla valutazione.
Complessivamente un sigaro che offre una fumata veloce, anche se non si deve esagerare con i puff, in quanto il piccolo cepo fa si che questo sigaro si surriscaldi facilmente. La forza medio/leggera e la durata della fumata lo rendono appetibile per un aperitivo o una veloce fumata mattutina.
Valutazione in centesimi: 80

Davidoff Villiger Foundation la bucanera  AF Pachuche Pachuche cigars
Our website uses cookies, mainly from 3rd party services. Define your Privacy Preferences and/or agree to our use of cookies.
Cookie Info