Villiger AF AF_banner AB alec & bradley gatekeeper davidoff viking
Search
Paese
Bahamas
Brasile
Costa Rica
Cuba
Filippine
Honduras
Indonesia
Isole Canarie
Italia
Messico
Nicaragua
Panama
Peru
Republica Dominicana
U.S.A.
Formato
Churchill
Corona Gorda
Double Corona
Gordo
Gran Corona
Lancero/Panetela
Lonsdale
Perfecto
Petit Corona/Corona
Petit Robusto
Piramide/Torpedo
Robusto
Salomone/Diadema
Shorts
Toro
Troncoconico
Prezzo
Sotto 6
6-10
10-15
15-20
20-30
Oltre 30
Forza
Leggera
Medio-leggera
Media
Medio-forte
Forte
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Affumicato
Cacao
Cremoso
Cuoio
Dolce
Frutta secca con guscio
Legno
Spezie
Terra
Tostato
Vegetale
Search
Tipo distillato
Armagnac
Cognac
Rum
Whisky
Paese
Antigua
Barbados
Canada
Cuba
England
Francia
India
Irlanda
Italia
Giamaica
Giappone
Martinica
Olanda
Scozia
Taiwan
Trinidad e Tobago
Stati Uniti
Svezia
Galles
Guadalupa
Panama
Repubblica Dominicana
ABV
38.0-39.9%
40.0-43.0%
43.1-46.0%
46.1-50.0%
50.1-55.0%
over 55.0%
OB o IB
OB
IB
Prezzo
Sotto 50
50-100
100-250
250-500
over 500
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Cereale
Dolce
Floreale
Fruttato
Legno
Marino
Miele
Sherried
Speziato
Torbato
Vinoso

Caffè filtrato, il Filtered coffee

Caffè filtrato, il Filtered coffee

Caffè filtrato, il Filtered coffee 1600 900 Domenico Fiorentino

Il caffè filtrato, chiamato Filter Coffee o “Americano” (espresso o doppio espresso con l’aggiunta di acqua calda), è uno dei metodi più conosciuti al mondo per consumare caffè, in particolar modo negli Stati Uniti, in nord Europa, Sud Est Asiatico e, da qualche anno, anche in Italia con l’apertura di caffetterie specializzate gestite da professionisti del caffè.

La leggenda narra che il “caffè Americano” era quello bevuto dai soldati americani, in Italia, durante la seconda guerra mondiale: non riuscendo a tollerare l’espresso italiano, corto e concentrato, gli ufficiali rovesciavano un pò di acqua calda nel caffè. Presto questo stratagemma diventò una moda che si diffuse su tutto il territorio nazionale. Tuttavia, negli Stati Uniti, quello che erroneamente chiamiamo “caffè americano” è in realtà un “Filter Coffee” ossia un caffè filtrato ed è una bevanda completamente diversa dall’espresso italiano, sia per tipologia della materia prima che per modalità di preparazione.

Il caffè ottenuto tramite la filtrazione per gravità è diffusissimo. Seppure poco diffuso nelle abitudini degli italiani, anche in Italia si sta imparando a conoscerlo ed apprezzarlo sempre più. Il sistema si basa sul principio di far percolare lentamente acqua calda attraverso uno strato di caffè macinato posto in un filtro di carta (filtri inventati, nel 1908, da tale Melitta Bentz, una signora di origine tedesca). Percolando, l’acqua scioglie le sostanze idrosolubili contenute nella polvere del caffè, trasferendole nell’infuso; un buon Filter Coffee si può ottenere utilizzando una dose di 10/12 grammi di caffè arabica di alta qualità (Specialty Coffee), con una tostatura chiara, con un grado di macinatura medio e con un rapporto di 55/65 grammi per litro d’acqua, ad una temperatura di 92-96 °C.

La filtrazione della bevanda non permette di far passare particelle solide e, in tazza trasparente, l’infuso si presenta con una corposità leggera e con un gusto ed un aroma delicato, con flavours differenti che cambiano a seconda della provenienza, dell’altitudine, della varietà, del processo di lavorazione e di tostatura del caffè. L’estrazione può essere fatta con metodi manuali ma anche con metodi automatici. La migliore (e il più in voga nelle caffetterie di livello) è manuale. Si usano sistemi come il V60, Chemex, economici e pratici, usati per preparare una sola tazza, a regola d’arte e con la varietà di caffè selezionata dal cliente. Il risultato è una bevanda molto ricca di caffeina, grazie al lungo periodo di percolazione, ma priva del corpo e della cremosità tipici dell’espresso a causa appunto dell’assenza di pressione.

Il caffè filtrato va assaporato lentamente, in tazza grande, da sorseggiare in ufficio nelle ore di lavoro. Tuttavia è anche indicato per una pausa più lunga a casa, mentre si passeggia o, perché no, accompagnandolo alla fumata del vostro sigaro preferito. Riesce a dare sempre la giusta carica, in qualsiasi momento della giornata. Il filter coffee è aromatico, ricco di gusto e naturalmente dolce. Affinchè sia così, però, bisogna scegliere la giusta tipologia di caffè. Oggi abbiamo la possibiltà di scegliere caffè di qualità altissima con profili aromatici unici al mondo, denominati “Specialty Coffee”.

Un buon Filter Coffee rappresenta una valida alternativa al più classico espresso; la riscoperta di forme di estrazione diverse, che fanno conoscere al consumatore aromi, profumi e caratteristiche del caffè finora sconosciute o percepibili in modo diverso rispetto all’espresso. Quando bevete un buon Filter Coffee chiudete gli occhi e cercate di viaggiare con la mente nel luogo di provenienza del vostro caffè assaporando gli odori e le note tropicali di questa magica bevanda, magari accompagnato da un buon libro o da una intrigante fumata.

Davidoff Villiger Foundation la bucanera  AF Pachuche Pachuche cigars
Our website uses cookies, mainly from 3rd party services. Define your Privacy Preferences and/or agree to our use of cookies.
Cookie Info