Villiger AF AB alec & bradley gatekeeper davidoff balmora viking
Search
Paese
Bahamas
Brasile
Costa Rica
Cuba
Filippine
Honduras
Indonesia
Isole Canarie
Italia
Messico
Nicaragua
Panama
Peru
Republica Dominicana
U.S.A.
Formato
Churchill
Corona Gorda
Double Corona
Gordo
Gran Corona
Lancero/Panetela
Lonsdale
Perfecto
Petit Corona/Corona
Petit Robusto
Piramide/Torpedo
Robusto
Salomone/Diadema
Shorts
Toro
Troncoconico
Prezzo
Sotto 6
6-10
10-15
15-20
20-30
Oltre 30
Forza
Leggera
Medio-leggera
Media
Medio-forte
Forte
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Affumicato
Cacao
Cremoso
Cuoio
Dolce
Frutta secca con guscio
Legno
Spezie
Terra
Tostato
Vegetale
Search
Tipo distillato
Armagnac
Cognac
Rum
Whisky
Paese
Antigua
Barbados
Canada
Cuba
England
Francia
India
Irlanda
Italia
Giamaica
Giappone
Martinica
Olanda
Scozia
Taiwan
Trinidad e Tobago
Stati Uniti
Svezia
Galles
Guadalupa
Panama
Repubblica Dominicana
ABV
38.0-39.9%
40.0-43.0%
43.1-46.0%
46.1-50.0%
50.1-55.0%
over 55.0%
OB o IB
OB
IB
Prezzo
Sotto 50
50-100
100-250
250-500
over 500
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Cereale
Dolce
Floreale
Fruttato
Legno
Marino
Miele
Sherried
Speziato
Torbato
Vinoso

L’importanza di controllare l’umidità d’estate

L’importanza di controllare l’umidità d’estate

L’importanza di controllare l’umidità d’estate 1250 750 Luca Cominelli

Con il periodo estivo e arriva il caldo, con un conseguente aumento delle temperature negli humidor che non sono refrigerati.

Spesso, soprattutto nelle città, i valori che si registrano sono elevati e superano i 30°. Tutto ciò si ripercuote all’interno dell’humidor. La temperatura di per sè non è un problema, ma dato che è strettamente legata con l’umidità è fondamentale sapere come comportarsi.

thermometer2

I sigari assorbono più acqua a temperature elevate, mentre ne assorbono un quantitativo minore a temperature basse. Questo aspetto è molto importante in quanto un sigaro conservato a 16° con il 70% di umidità darà luogo a una fumata diversa di un sigaro conservato allo stesso tasso di umidità ma a una temperatura di 30°.

Oltre a ciò, un aspetto fondamentale è che quando i valori di temperatura divengono particolarmente alti (sopra i 26°), una conservazione sopra il 70% di umidità porta il sigaro a gonfiarsi particolarmente e in molti casi si generano delle rotture nella zone del piede (la più delicata) e nelle situazioni peggiori si hanno delle rotture della fascia lungo il sigaro, che potrebbero danneggiarlo a tal modo da renderlo infumabile.

D’estate la temperatura è molto alta durante il giorno ma si abbassa durante la notte. Questo ciclo fa si che anche all’interno dell’humidor tutto ciò metta la capa dei nostri sigari sotto stress. In quando questi sbalzi di temperatura creano a loro volta degli sbalzi nell’assorbimento dell’umidità da parte dei sigari.

Il consiglio è quello di abbassare il tasso di umidità degli humidor che non sono refrigerati, in modo tale da ottimizzare il tasso di acqua assorbito dal sigaro a fronte degli aumenti di temperatura.

LA MIGLIOR SOLUZIONE?

Il sistema che garantisce il miglior risultato sono i beads, in quando eseguono un vero e proprio controllo sull’umidità, mantenendola costante. Oltre a ciò, hanno il grande beneficio di durare a vita e non vanno quindi sostituiti. Nel caso di humidor esposti a temperature che superano i 26°, si consigliano fortemente i beads al 65% (clicca qui per tutte le info sui beads).

Davidoff Foundation la bucanera  AF Pachuche Pachuche cigars
Our website uses cookies, mainly from 3rd party services. Define your Privacy Preferences and/or agree to our use of cookies.
Cookie Info