La combustione di un sigaro è un aspetto molto importante nella fumata, che non va sottovalutato. Può infatti pregiudicare completamente la fruizione del sigaro. La combustione dipende da molteplici fattori. In questo articolo cercheremo di analizzare l’abilità del torcedor nella fabbricazione del manufatto, e le conseguenze visibili nella forma della cenere durante l’arco della fumata. Possono essere riscontrate cinque diverse “forme della cenere” conseguenti all’avanzamento del braciere.

  • Nella figura si vede una combustione con “cenere piatta”. Contrariamente a quanto taluni pensano, non si tratta del miglior tipo di combustione possibile per un sigaro. E’ vero che non comporta particolari problemi in termini di combustione, ma il fatto che il ligero debba bruciare più lentamente rispetto alle altre foglie, può far ritenere questo tipo di combustione non ottimale. E’ tipica dei sigari a tripa corta (fatti con ritagli di tabacco e non con foglie intere).

Cenere_1

  • La figura evidenzia quella che comunemente viene definita combustione a cenere “cenere conica”. Quando la meccanica di fumata è ottimale, l’anello di combustione è regolare, ed il fumo giunge perfetto in bocca, molto probabilmente il braciere evidenzierà questo tipo di forma (dopo la caduta della cenere). Il ligero è posizionato correttamente al centro del sigaro e il volado ai lati promuoverà una combustione regolare e continua alla giusta temperatura.

Cenere_2

  • Nell’immagine troviamo una combustione a “cratere conico”. In questo caso non si deve necessariamente parlare di un difetto di fabbricazione. Probabilmente in questo caso il seco è stato utilizzato al posto del volado come sottofascia (capote) ma la combustione si può considerare comunque corretta e senza problemi, con l’unica particolarità di dare evidenza a questo curioso cratere conico nella parte centrale del braciere. Il ligero è comunque posizionato correttamente e brucia alla giusta temperatura per favorire un giusto avanzamento dell’anello di fuoco.

Cenere_3

  • Nella figura viene raffigurata una combustione irregolare di tipo laterale. Il sigaro brucia più velocemente da una parte, e questo normalmente è dovuto al fatto che il torcedor non ha sistemato il ligero esattamente al centro del sigaro. Maggiore è l’errore di posizionamento e maggiore sarà l’effetto di irregolarità della combustione. Ciò è dovuto alla combustione del ligero, che è più lenta rispetto alle altre tipologie di foglie.

Cenere_5

  • Nell’immagine è stata evidenziata una combustione con “cenere a cucchiaio”. Si tratta di un difetto tra i più comuni e si caratterizza per una cavità posizionata centralmente al braciere. In questa circostanza il torcedor ha posizionato le foglie di volado nella parte centrale, e questo avrà come conseguenza un avanzamento più lento dell’anello di fuoco rispetto alla parte interna del sigaro. Ciò è dovuto alla temperatura, che non è sufficientemente elevata per garantire una la corretta combustione del ligero.

Cenere_4

Fonte immagini: cigar journal. 

4 Comments

  1. Antonio 13 novembre 2018 at 21:39 -  Rispondi

    Bell’articolo, osservazioni particolarmente interessanti, adesso ho capito il perché della “combustione di tipo laterale.” 🙂

  2. tobacco 23 gennaio 2014 at 15:26 -  Rispondi

    Interessante chiarimento quello della cenere; interessante perché in alcuni casi ho sempre pensato ad un mio errore nel tiraggio visto che sono un fumatore, diciamo nervoso e quindi a volte tendo a fare più boccate e meno regolari.

    Questo mi ha fatto anche pensare ai toscani che sono solito fumare dove solitamente la cenere è piatta e raramente abbiamo un laterale o cucchiaio, immagino per via delle diverse modaliltà di preparazione dei nostrani con i caraibici.

  3. Mic 4 gennaio 2014 at 17:22 -  Rispondi

    Complimenti per la guida! Sono nel mondo del fumo lento da meno di un anno ma sulle vostre pagine ho preso tanti consigli utili.
    Una domanda: un giorno riuscireste a fare una guida sulla “fumata” vera e propria, come secondo voi possono esser meglio percepiti gli aromi, quanto e come il fumo va tenuto in bocca(sempre secondo voi visto che può essere soggettiva come cosa)…insomma ecco consigli utili sulla tecnica di fumata e su come poter provare a “degustare” davvero un sigaro (così come le percezioni su lingua/naso/palato).
    Secondo me siete bravissimi nello spiegare le cose con parole semplici ma dettagliate e anche i novizi come me possono prendere tanti spunti dal vostro sito

    Grazie anticipatamente e complimenti ancora a tutti voi!

    • cigarslover 4 gennaio 2014 at 22:29 -  Rispondi

      Grazie per le belle parole Mic, prenderemo spunto da questi tuoi consigli per qualche prossimo articolo 🙂

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Newsletter

a402471faa
/wp-admin/options-general.php?page=emc2-popup-disclaimer/emc2pdc-admin.php
b047934777
7135
10
Entra
Esci
http://google.it
1

CigarsLover è un sito che tratta argomenti che riguardano il mondo del fumo lento e tutto ciò che ci gira attorno. Questo sito non vuole indurre al fumo, e si ricorda che il fumo nuoce gravemente alla salute. I contenuti sono per maggiorenni.

Questo sito utilizza i cookie tecnici per avere la migliore esperienza di navigazione. Cliccando su “entra”, dai il consenso all’uso dei cookie. Leggi l’informativa

Entra Esci