Search
Paese
Cuba
Costa Rica
Republica Dominicana
Honduras
Nicaragua
U.S.A.
Italia
Messico
Panama
Brasile
Peru
Bahamas
Filippine
Indonesia
Formato
Churchill
Double Corona
Corona Gorda
Gordo
Gran Corona
Lancero/Panetela
Lonsdale
Perfecto
Petit Corona/Corona
Petit Robusto
Piramide/Torpedo
Robusto
Salomone/Diadema
Shorts
Toro
Troncoconico
Prezzo
Sotto 6
6-10
10-15
15-20
20-30
Oltre 30
Forza
Leggera
Medio-leggera
Media
Medio-forte
Forte
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Affumicato
Cacao
Cremoso
Cuoio
Dolce
Frutta secca con guscio
Legno
Spezie
Terra
Tostato
Vegetale
Search
Tipo distillato
Whisky
Cognac
Rum
Armagnac
Paese
Scozia
Stati Uniti
Taiwan
Irlanda
Francia
Italia
Giappone
India
Giamaica
Antigua
Canada
Martinica
Cuba
Barbados
Olanda
Trinidad e Tobago
ABV
38.0-39.9%
40.0-43.0%
43.1-46.0%
46.1-50.0%
50.1-55.0%
over 55.0%
OB o IB
OB
IB
Prezzo
Sotto 50
50-100
100-250
250-500
over 500
Valutazione
95-100
90-94
85-89
80-84
Inferiore a 80
Generic filters
Profilo aromatico
Cereale
Dolce
Floreale
Fruttato
Legno
Marino
Miele
Sherried
Speziato
Torbato
Vinoso

Dizionario Breve del Whisky

Dizionario Breve del Whisky

Dizionario Breve del Whisky 900 612 Federico Bosco

Molto spesso ci si imbatte in abbreviazioni o acronimi di settore, non sempre comprensibili. Lo stesso vale anche per l’impiego di termini inglesi, che nonostante ne venga dato per scontato il significato, possono venir fraintesi o non compresi appieno.

 width=

Ecco quindi una raccolta di alcune parole, sigle, diciture di non facile interpretazione soprattutto per chi non è dentro il mondo del whisky.

  • ABV: Alcohol By Volume, percentuale di alcol del prodotto.
  • Batch: lotto di produzione, un numero limitato di botti utilizzate per dar vita a prodotti piuttosto limitati.
  • Cask Strength: prodotto non diluito con acqua, quindi con la medesima gradazione di quando era in botte.
  • Ex-bourbon/ex-sherry/ex-porto/ex-…: la dicitura indica il precedente contenuto della botte o delle botti utilizzate poi per l’invecchiamento del whisky. Esempio pratico: ex-bourbon, cioè una botte che ha prima contenuto bourbon che, una volta invecchiato e uscito dalla botte, ha lasciato il posto al whisky in degustazione.
  • Finishing/finish: passaggio finale di invecchiamento, cioè una maturazione aggiuntiva in botti differenti da quelle originarie. Spesso non è dichiarato il periodo di finishing. Una sua variante è la Doppia Maturazione (Double Maturation), cioè un finishing per periodi consistenti, spesso qualche anno.
  • NAS: No Age Statement, cioè un malto senza dichiarazione dell’età di invecchiamento. Tecnicamente, un whisky che potrebbe avere dai 3 anni in su.
  • OB/IB: Official Bottling/Indipendent Bottling, cioè un prodotto messo in commercio dalla distilleria di produzione o un prodotto commercializzato da aziende private, proprietarie solo delle botti già piene di distillato.
  • PPM: Parti Per Milione, indica il grado di torbatura del malto di origine. Sebbene il numero possa sembrare basso (raramente oltre le 100 parti per milione), un whisky già piuttosto torbato ha 45/55 PPM.
  • Single Cask: botte singola, cioè un lotto di bottiglie riempite da un’unica botte, rendendo estremamente limitato e irripetibile il prodotto.
  • Unchillfiltered: whisky non filtrato. Il processo di filtrazione serve a eliminare le impurità del whisky, rendendolo limpido. Il processo di filtrazione può variare a seconda della temperatura a cui viene abbassato il whisky o al numero di filtri impiegati. Secondo alcuni la filtrazione modifica le caratteristiche organolettiche del prodotto.
  • Uncoloured: la colorazione del whisky avviene attraverso caramello industriale. Il caramello in questione non modifica il prodotto tranne che per il colore, più scuro.